Campli: lavori in corso per l'allestimento del Museo di Arte Sacra

Campli (TE) Ex Convento dei Celestini

28 gennaio, 2016 - Comunicato

Campli, Madonna del Latte.

Si ritiene necessario precisare che, contrariamente a quanto annunciato nel corso del 2015 a mezzo stampa prima della consegna dell'immobile alla SBEAP dell'Abruzzo, i locali dell'ex convento celestiniano di Sant'Onofrio sono risultati ancora inidonei ad ospitare il museo di Arte Sacra di Campli. Pertanto, a partire dalla costituzione nell'ottobre del 2015 di un gruppo di lavoro in seno alla SBEAP dell'Abruzzo, formato da funzionari architetti e storici dell'arte di questo Ufficio, la Soprintendenza si è subito attivata con una serie di attività finalizzate al completamento degli interventi mancanti. In particolare, sono state riscontrate le opere afferenti al museo con diversi sopralluoghi a Campli e presso il Museo Paludi di Celano e al Castello di L'Aquila dove sono attualmente conservate le opere. Si è predisposto un progetto di allestimento riferito al livello superiore del museo e verificate le condizioni di manutenzione dei locali. Inoltre, si è incaricato un tecnico specialista al fine di verificare efficienza e rispondenza degli impianti esistenti all'uso espositivo, oltre che di ottenere tutte le certificazioni necessarie, con particolare riferimento al certificato di agibilità e all'autorizzazione all'esercizio da parte dei VV.F.

Come ha confermato una dettagliata relazione dell'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro, le criticità maggiori sono legate alla notevole presenza di acqua che interessa le pareti degli ambienti inferiori del convento, imputabile al terrapieno adiacente corrispondente al piano stradale e al marciapiede della via pubblica. Questa condizione ha causato un grave attacco biologico tale da non consentire neanche un allestimento parziale del museo se non previo un complessivo risanamento di tutti gli ambienti dell'ex convento, a partire da quelli del piano interrato. L'Amministrazione Comunale di Campli, prendendo atto delle problematiche esistenti, si è prontamente fatta carico di predisporre un progetto di risanamento complessivo. A lavori eseguiti, sarà possibile provvedere all'allestimento almeno del piano superiore del museo e alla sua conseguente apertura.